Il cantante semplice…una rarità!

10.000 like sulla pagina di Facebook e poi commentano tua madre e tua sorella…

Questa è la nuova era che distingue i furbastri che pagano per avere un seguito e da chi è semplice e vero con pochi fan ma reali. Tutti bramano successo e fama, magari raggiunti attraverso ciò che si ama fare…ma a che condizioni?

Credo che il concetto di “verità” si sposi bene con il concetto di “semplicità”.

Spulciando sul web ho trovato questa fantastica poesia di Alda Merini che è decisamente associabile all’artista vero che non scende a compromessi. L’artista che fa, produce e crea in nome dell’arte e non solo per il gusto di raggiungere gloria e fama. La poesia si intitola “Semplicità”.

La semplicità è mettersi nudi davanti agli altri.
E noi abbiamo tanta difficoltà ad essere veri con gli altri.

Abbiamo timore di essere fraintesi, di apparire fragili,
di finire alla mercè di chi ci sta di fronte.

Non ci esponiamo mai.
Perché ci manca la forza di essere uomini,
quella che ci fa accettare i nostri limiti,
che ce li fa comprendere, dandogli senso e trasformandoli in energia, in forza appunto.

Io amo la semplicità che si accompagna con l’umiltà.
Mi piacciono i barboni.
Mi piace la gente che sa ascoltare il vento sulla propria pelle,
sentire gli odori delle cose,
catturarne l’anima.
Quelli che hanno la carne a contatto con la carne del mondo.
Perché lì c’è verità, lì c’è dolcezza, lì c’è sensibilità, lì c’è ancora amore.

Alda Merini

Noi cantanti siamo così. Usare la voce e cantare è come mettersi a nudo di fronte agli altri. Il timore di non essere accettati dagli altri ci spinge a crearci un mondo fittizio, dove si finge di essere superstar per il solo scopo di aver più credibilità. Questa finta credibilità, si crede, serva per apparire “fighi” agli occhi di chi ci può far salire fino alle stelle o scendere fino alle stalle.

Credo che sia sempre necessario restare con i piedi per terra. E’ vero anch’io a quindici anni sognavo di diventare una cantante famosa conosciuta in tutto il mondo. Ho preso altre strade e sono finita comunque qui ed in effetti l’importante per me è cantare e trasmettere alle persone che è possibile farlo come lavoro anche senza essere famosi.

Quando un’allieva mi dice “voglio fare la cantante” desidero che sappia che là fuori non c’è solo il mondo fatto di cantanti famosi ma esistono tantissimi cantanti, che fanno questo come lavoro VERO (e qui batto i pugni sul tavolo) che registrano la loro voce nelle colonne sonore, nelle backing track dei videogames, che producono dischi, cantano come session singer per compositori.

Prenditi qualche minuto e recupera la tua semplicità, diventa un cantante semplice:

  • Parti dalle cose di tutti i giorni (senti l’aria fresca sul viso in una mattinata fredda senza lamentarti, focalizza la tua attenzione su tutte le sensazioni) un po’ di sana mindfulness fa sempre bene.
  • Applica questa attenzione profonda anche al canto, senti ogni parola che esce dalla tua bocca e prova piacere per come il suono si mescola all’aria.
  • Focalizza l’attenzione su ogni respiro e ogni movimento del tuo corpo… sei vivo. Apprezza ogni piccolo gesto semplice e meravigliati come un bambino si meraviglia davanti alle bolle di sapone.

Ragiona sempre prima di lanciarti in acquisti di follower o in chi ti vuol vendere il successo assicurato, fermati e pensaci. Come dice il detto: “Non è tutto oro ciò che luccica”.

Ma cosa succede se ci facciamo prendere dai sogni di gloria e cadiamo nella trappola del music business feroce? Scopri l’altra faccia della medaglia. Ne parlo in questa diretta fatta di case discografiche, pay to play e talent show.

Fammi sapere cosa ne pensi nei commenti!

(Visited 15 times, 1 visits today)

Leave A Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.