Motivational

Perché ci vuole coraggio…

Perché ci vuole coraggio a salire su un palco;
perché ci vuole coraggio ad aprire la bocca ed emettere un suono;
perché ci vuole coraggio per non crollare davanti agli occhi critici che ti guardano;
perché ci vuole coraggio a muoversi sul palco, senza sembrare “quella che se la tira”;
perché ci vuole coraggio per prendersi l’impegno dell’allenamento costante;
perché ci vuole coraggio quando persino le persone che credevi amiche ti sbattono la porta in faccia;
perché ci vuole coraggio a fare sacrifici ogni giorno per preservare il tuo dono;
perché ci vuole coraggio per essere credibili;
perché ci vuole coraggio per essere straordinari;
perché ci vuole coraggio per uscire dalla propria zona di comfort;
perché ci vuole coraggio per ignorare i commenti negativi ed essere “innovativi”;
perché ci vuole coraggio a dire “Io vado avanti!”, anche se tutti remano contro;
perché ci vuole coraggio per aver coraggio!
E tu, di coraggio, ne hai?

guerriera.jpg
Disegnato con FreePik

Motivational

Relationships #1- relazioni e connessioni…

Questo venerdì ho deciso di dedicarmi alle relazioni con le persone! Ormai con gli smartphone e i phon phon  non ci si guarda nemmeno più in faccia. L’altro giorno quando Facebook e Instagram sono andati in offline, ho visto letteralmente il mondo impazzire su altri social tipo Twitter e sfogare la propria frustrazione per l’accaduto.

Inoltre si sta sviluppando un modo di fare un po’ anomalo. Il chiedere l’amicizia (per esempio su Facebook) per poi mandarti immediatamente un messaggio o direttamente l’invito a mettere il like ad una pagina. Allora! Un momento! Se vuoi diventare mio amico è perché probabilmente abbiamo qualche interesse in comune oppure perché ci siamo conosciuti da qualche parte. Perché dovrei mettere il like ad una pagina ad uno sconosciuto se nemmeno ti presenti e se nemmeno fai due parole con me!?

Li chiamo “cacciatori di like”! Sono quelli che pensano che tutto è dovuto! Credono di avere tra le mani una band da sballo e per questo tutte le tue povere prede (a cui hai richiesto l’amicizia) devono per forza seguirli… ma perché? Forse per attirare l’attenzione di un nuovo amico basterebbe un messaggio gentile su Messanger del tipo: “Ciao Mara, sono Tizio! Ho visto che hai una band anche tu e che apprezzi la musica. Ho sentito i vostri brani e sono molto simili al genere che facciamo noi, ho pensato che ti potessero piacere. Se ti va puoi ascoltarci qui…”. Invece hanno tutti fretta di utilizzare la “call to action”, ovvero invitarti a fare qualcosa, un’azione… un acquisto, un’iscrizione alla newsletter ecc.

Che poi tutti sti like che si vanno a cercare, senza il coinvolgimento servono davvero? 🙂 E’ un po’ come quelli che hanno 23.000 persone che seguono la pagina e chi condivide sono sempre la sorella, la mamma e la fidanzata! Non saranno per caso comprati?

Il consiglio è comunque di creare delle relazioni e delle connessioni con le persone.  Questo vale sia online che offline… Quando incontri una persona cerchi di conoscerla per capire i suoi interessi  e le cose che le piacciono! Se vuoi conquistare una ragazza è normale che cerchi di capire che cosa le interessa per poter sembrare di conseguenza interessante tu ai suoi occhi o no? Siamo tutti incentrati più sul nostro Io.

Ho visto un video bellissimo di TedTalks con la docente Rita Pierson che parla delle relazioni e di come sua madre le costruì all’interno della scuola in cui insegnava. Vi invito a guardarlo. Sono sette minuti ben spesi e parole che possono essere applicate in qualsiasi ambito, compresa la musica…

rita pierson

Online si possono creare veramente delle bellissime amicizie con persone di tutte il mondo. Condividere vuol dire anche questo! Mi ricordo le prime chat dove ti scrivevi con qualcuno dall’altra parte dell’Italia e cercavi di capire attraverso la descrizione come fossero fisicamente e che cosa gli piacesse attraverso i loro racconti. Questo vuol dire impegnarsi a costruire una connessione!

Parla di connessioni anche Jennifer Lee, una fantastica innovatrice che nel suo libro “Bulding Your Business the Right-Brain Way“, affronta questo argomento in modo veramente appassionato (presto vi parlerò anche di questo libro, parto permettendo).

Le connessioni sono relazioni individuali costruite durante il corso del tempo. La connessione può iniziare da un semplice scambio di messaggi su Twitter o una conversazione casuale ad un evento o in coda al negozio di alimentari.

Jennifer Lee, Building Your Business the Right-Brain Way

E allora dai proviamoci, cerchiamo di essere curiosi nel conoscere altre persone! Ho detto “curiosi”, non “invadenti” 😉

Farò ulteriori articoli su questo argomento, ci sono un mare di libri che ho avuto la fortuna di leggere in questo periodo e sui quali ci sono nozioni che voglio condividere con voi! 🙂

Raccontatemi le vostre storie! E’ successo anche a voi di aver accettato amicizie e di esservi trovati inviti a mille pagine?

Ciao!
 
 
 
 

Motivational

Non hai bisogno di approvazione…

Ieri sera mi sono imbattuta nel programma “Le iene”. L’argomento della serata erano gli “haters“, ovvero tutti quegli individui (e chiamarli individui è già una gentilezza), che in pratica sfottono, minacciano (anche in modo pesante, augurando morte al personaggio preso di mira e alla sua famiglia) nel mondo online dei social network e che cercano un  modo di farsi notare dagli altri con la loro assoluta maleducazione. Un po’ come il bullo della classe che urla “Mo’ spacchiamo tutto!” e tu che fai? Ti metti contro? Gli dai ragione se no le pigli anche tu!

Mi è veramente difficile capire tutto questo odio, questa possibilità di scrivere cose così crudeli verso altre persone, che è vero possono non piacere ma ragazzi, la morte non si augura a nessuno!

Poi parte un video con Emma Marrone che è stata vittima di questi haters. A me la musica di Emma Marrone non piace, non è il mio genere, non mi ci ritrovo ma comunque conosco alcuni dei suoi lavori perché ho collaborato con allievi a cui invece piaceva e mai mi sono permessa di dire una cattiva o pessima parola sul suo conto o sul conto di altri artisti che non mi piacciono. Alla fine comunque Le Iene riescono ad andare a prendere questo individuo che le aveva detto le peggio cose e lui per giustificarsi dice una frase che mi ha fatto gelare il sangue: “Volevo solo un po’ di approvazione dagli altri!”.

Oddio! Davvero? In più ha pure ottenuto visibilità! Era quello che voleva no? Questo è il modo subdolo in cui vuoi l’approvazione degli altri? Davvero?

Ragazzi e ragazzi, mi rivolgo a tutti giovani e non, non fatevi influenzare da persone che valgono meno di zero! Non fatevi influenzare da un commento negativo e se ricevete minacce, denunciate. Non siate fragili se la vostra foto non ha ricevuto i like che speravate! Quello è solo il mondo virtuale, cercate di notare bene la differenza! Nel mondo virtuale non puoi mangiare, respirare, abbracciare e vivere! Il mondo virtuale è solo un gioco! Spento il computer o lo smartphone finisce lì. Guardati intorno!

Neo: Mi fanno male gli occhi.
Morpheus: Perché non li hai mai usati.
Dal film “Matrix”

Sarebbe ora di mettere filtri e controlli sui profili di queste persone nonché sui loro indirizzi IP e visto che con il posizionamento si possono anche trovare perché non andarli a prendere direttamente a casa?

Tutti sapientoni, tutti tuttologi, tutti arroganti… ma quando poi sono faccia a faccia agnellini! La classica sindrome da leone da tastiera!

Se non ti piace una cosa vieni a dirmelo in faccia! Non fatevi prendere dall’ansia per questi cavolo di like… ogni piattaforma domani potrebbe chiudere e cosa fareste?

Vi lascio il link al video di questo “fenomeno” qui!  E spero che qualcuno faccia qualcosa per la netiquette.

Aspetto i vostri commenti in merito a questa vicenda!
Ciaooo!

icone-social
Disegnato con Freepik

 
 

Motivational

World Smile Day

Facciamo che fare un bel venerdì motivazionale va? Siamo felici perché il weekend è vicino e quindi …SORRIDIAMO!!! Anche perché oggi è il World Smile Day!!!

Ogni anno il primo venerdì di ottobre è il World Smile Day® in onore di Harvey Ball creatore della mitica Smiley Face… (in pratica l’antenata delle emoticons).

Sarebbe veramente bello se per un giorno intero la gente che si incontra si scambiasse un sorriso- Vivere un giorno sereno senza nessuno che protesti, si lamenti, che voglia lottare per delle idiozie. Un giorno senza lotte e lamentoni sui social network! Anche perché lo scopo del World Smile Day è proprio questo. L’organizzazione spera che attraverso questa giornata utilizzando web, social media e l’aiuto di chi vi partecipa si incoraggino sorrisi e atti di gentilezza in tutto il mondo!

E allora? Siate gentili e sorridenti! 🙂

Vi prego a fine serata voglio sapere chi ce l’ha fatta! 😀 Grazie!!!
Per non perdere i prossimi post e se ti fa piacere, iscriviti alla newsletter qui!smiley face.png
 

Motivational

La festa dei nonni…

Oggi è la festa dei nonni! Auguri a tutti i nonni, a quelli che già lo sono e a quelli che lo saranno di nuovo tra poco (tipo i miei genitori) e a quelli che lo saranno per la prima volta.

Io purtroppo di nonni non ne ho più ma il ricordo è ancora vivido nei miei pensieri. A volte immagino cosa direbbe mia nonna Rosa alle sue amiche oggi. Si sa le nonne fanno a gara con le amiche per fare vedere che il/la nipote è bravo in qualunque cosa.

La mia raccontava alle altre che parlavo quatto o cinque lingue e ne so a mala pena due! Però da lei ho imparato tante cose e ho visto il coraggio di una donna che, contadina, faceva dei lavori, a volte non semplici, con un manualità perfetta.

Ricordo gli odori della cucina e la super bistecca impanata, la zuppa di latte con il pane, l’uovo alla coque con il pane tagliato a listelline e la cioccolata, quella fatta tipo mattone, che dovevi tagliarla a scaglie. Per non parlare dei budini … mangiavo solo budini.

Oggi, immagino, le avrei regalato una maglia degli Oniricide e un disco e sarebbe più o meno così:

old woman rock gesture on white background
Chissà cosa direbbe alle sue amiche? 😀
Auguri a tutti i nonnini del mondo!
Auguri ai nonnini della Casa di Riposo Ottolenghi che mi mancano tantissimo!!!
Auguri a i miei nonnini Rosa, Amalia, Oreste e Oppy che mi guardano da lassù!

Motivational

Motivational September

Ebbene ci siamo!

Il 1 settembre è un po’ come il 7 di gennaio, periodo in cui si fanno le somme della propria vita e si decide una data di partenza dei nuovi progetti. Siccome portare avanti progetti non è così semplice come si possa credere ecco qui quattro consigli per ripartire alla grande. Che tu sia un freelance o uno studente, oppure che tu abbia un’attività, questi  consigli funzionano sempre!

Open old book and Artificial autumn maple leafs
Disegnato da Freeik
  1.  Pianificare

Se non pianifichi sei morto prima di cominciare. La voglia di ripartire ti fa mettere sul fuoco almeno duecento progetti e alla fine ti trovi incasinato e insoddisfatto perché per quanto vogliamo credere di essere multitasking la realtà è che se non ti prendi un’agenda e dai delle priorità, i lavori o i libri da studiare rimangono lì e dopo nemmeno un mese  i tuoi buoni propositi sono svaniti nel nulla. Prova a pensare a quante volte hai detto “Lunedì mi metto a dieta” e poi lunedì è passato…

  1. Rispetta le deadline

Se hai pianificato sai qual è la cosa che devi fare per prima! Sai che ci sono lavori importanti ed urgenti che devono avere la priorità assoluta. Se hai pianificato correttamente ti sarai dato delle scadenze… Quelle scadenze le devi prendere sul serio solo così potrai prendere te stesso sul serio come lavoratore o studente. Snobbare le scadenze vuol dire trovare scuse per rimandare! Devi immaginare che quella scadenza è inderogabile… Devi ricordarti che se salti quella scadenza ci saranno delle conseguenze… E poi è inutile piagnucolare e lamentarsi che qualcosa è andato storto!

  1. Correre ai ripari

Qualcosa davvero può andare storto e come puoi fare? Cercando di finire i lavori o le pagine che ti sei prefissato almeno due o tre giorni prima della scadenza ufficiale. In questo modo se l’imprevisto si trova dietro l’angolo puoi riuscire a cavartela egregiamente ed in tempo. Attenzione questo non vuol dire “trassare”, cioè “non ho voglia di farlo oggi e allora oggi mi gratto e lo faccio domani”! Questo vuol dire riuscire a rispettare le scadenze e ottenere maggior professionalità e risultati, nonché credibilità verso gli altri.

  1. La mancanza di voglia e le distrazioni

Parliamo subito della mancanza di voglia. E’ quello a cui mi riferivo prima. Sei consapevole di avere due giorni in più nel tuo margine pre-scadenza e allora me ne frego e sto a letto a dormire!!!! Noooooo, quelli ti servono se a letto ci stai per l’influenza! Cerca di essere sincero con te stesso! Studiare con il mal di testa non è semplice e nemmeno lavorare con una colica renale! Il cane mi ha mangiato il lavoro/compito non è più credibile. Quindi spiegami non hai voglia di lavorare, fare qualcosa per la tua attività o studiare? Ma hai veramente voglia di vedere Pinco Pallino che mette le foto del mare perché lui è fortunato ed è ancora in vacanza? Vuoi proprio leggere il post di Pinca Pallina dove si lamenta di qualcosa bla bla bla…? Stai cazzeggiando e non stai facendo niente per migliorare la tua situazione! E’ inutile che poi ti lamenti… Ti fai solo la figura di Pinca Pallina, che tra l’altro  hai tra gli amici ma detesti!

Non ti distrarre!

Se sei arrivato fino qui nella lettura ti regalo un consiglio extra!

Non perdere di vista il tuo obiettivo! Se hai un’attività ricordati che ci sono le spese e i costi a cui dovrai far fronte, il tuo obiettivo deve essere la crescita e il fatturato. Se sei un freelance di sicuro ti vorrai affermare nel tuo campo quindi non trascurare la formazione e la tua crescita professionale. Se sei uno studente il tuo compito è di imparare il più possibile perché un giorno dovrai offrire un servizio impeccabile ai tuoi clienti, dovrai saper argomentare per convincerli che tu sei il migliore… Tanto vale dimostrarsi il migliore già a scuola no?

Bene la predica è finita, vi ringrazio per aver letto questo articolo lunghissimo ma soprattutto vi faccio un grande in bocca al lupo per tutti i vostri progetti!

Buon 1 settembre!!!

Mara

Motivational

Sono emozionata!…

Benvenuti sul mio sito! Una piccola vetrina dove racconto una parte di me e dove raccolgo in breve un po’ tutto quello che in inglese chiameremmo my skills!

Sono emozionata, di nuovo sulla strada giusta con un bagaglio in più di cultura, di nuove cose da raccontare e condividere, di nuove cose da insegnare e un bebé in arrivo. Chi si ferma più?!

Saranno sicuramente mesi difficili perché è vero che la gravidanza non è una malattia ma un pochino ti deve frenare e lo si fa volentieri per il bene del pupo. Così sfrutto questo tempo in cui non mi è concesso di stare in sala prove con la band completa, per migliorare la mia strada leggendo un sacco di libri di crescita personale nei quali ho sempre trovato spunti da collegare al canto. Ho anche un sacco di tempo da dedicare all’inglese a al mio campo: la comunicazione.

A breve inizierò anche un VBLOG, appena passerà un po’ il pallore :). Il VBlog racconterà semplici risposte a domande che riguardano il mondo della voce, del parlato, del cantato, della paura, della timidezza… insomma un po’ di tutto! 🙂

Saluti da una futura mamma cantante!
Mara