Blog

Freelance Mom

Freelance Mom: Filastrocche di Carnevale per i tuoi bimbi

Rieccomi qui dopo una breve pausa. Le cose da fare sono talmente tante e per di più l’influenza non è stata così gentile con me, anzi mi ha proprio stesa.

Ma siccome voglio rientrare con qualcosa di divertente ho pensato ad un bel blog post dedicato al Carnevale. C’è chi non lo festeggia, chi odia mascherarsi, c’è invece chi non vede l’ora per preparare un bel po’ di “bugie” fritte nell’olio e magari con il ripieno di marmellata, c’è chi non sopporta ritrovarsi i coriandoli nelle mutante, c’è chi invece si veste da teppista e arriva a casa sporco di schiuma da barba. Il Carnevale è così!

Il mio più bel ricordo del Carnevale è assolutamente quando mi sono vestita da Fatina! Avevo anche la bacchetta magica e il cappello a punta con le stelline e indossavo un bellissimo abito azzurro! Credo che mio figlio mi odierà quando gli farò i costumi di Carnevale io, ma lo sapete sono una creativa e non posso mica andarlo a comprare… “Ma mamma io volevo vestirmi da Geko dei PJ Masks?” e io: “E va bè amore, ci vestiamo da Zorro quest’anno!”, “Ma mamma io non so nemmeno chi è questo Zorro!”.

A parte i miei dialoghi interiori di cui vi ho voluto rendere partecipi, oggi vediamo delle belle filastrocche per il Carnevale. Anzi mamme se volete mandarmi qualche disegno di Carnevale dei vostri bimbi lo aggiungo volentieri a piedi pagina per abbellire il blog. Saranno sicuramente stupendi!

Lo sapete amo tantissimo Rodari e quindi non potevano mancare:

Carnevale in filastrocca

Carnevale in filastrocca,
con la maschera sulla bocca,
con la maschera sugli occhi,
con le toppe sui ginocchi:
sono le toppe d’Arlecchino,
vestito di carta, poverino.
Pulcinella è grosso e bianco,
e Pierrot fa il saltimbanco.
Pantalon dei Bisognosi
“Colombina,” dice, “mi sposi?”
Gianduja lecca un cioccolatino
e non ne da niente a Meneghino,
mentre Gioppino col suo randello
mena botte a Stenterello.
Per fortuna il dottor Balanzone
gli fa una bella medicazione,
poi lo consola: “È Carnevale,
e ogni scherzo per oggi vale.”

Carnevale, ogni scherzo vale

Mi metterò una maschera
da Pulcinella
e dirò che ho inventato
la mozzarella.
Mi metterò una maschera
da Pantalone,
dirò che ogni mio sternuto
vale un milione.
Mi metterò una maschera
da pagliaccio,
per far credere a tutti
che il sole è di ghiaccio.
Mi metterò una maschera
da imperatore,
avrò un impero
per un paio d’ore:
per volere mio dovranno
levarsi la maschera
quelli che la portano
ogni giorno dell’anno…
E sarà il Carnevale
più divertente
veder la faccia vera
di tanta gente.

Hai già scaricato “Il Calendario del cantante”? Leggi qui!

E infine ci sta un bel “Girotondo delle mascherine” che ha però un altro autore a quanto pare anonimo! 🙂

Girotondo delle mascherine

Girotondo, girotondo,
noi giriamo tutto il mondo.

C’è Gianduja e Meneghino,
Pulcinella e Arlecchino.

C’è Brighella e Pantalone,
Meo Patacca e Balanzone,

Beppe Nappa siciliano,
Stenterello che è toscano…

Girotondo, girotondo,
noi viaggiam per tutto il mondo,

e con noi portiam la gioia
che è nemica della noia.

Leggete queste bellissime filastrocche ai vostri bambini! E come dicevo se volete mandarmi i loro disegni abbelliremo questa pagina!

Da come si vestiranno i vostri bimbi a Carnevale? E voi?

Se ti è piaciuto l’articolo, regalagli un bel like e condividilo con i tuoi amici!

Vieni a trovarmi anche sulla mia pagina di Facebook e seguimi su Instagram dove troverai un sacco di contenuti interessanti!

Cultura Musicale

Celine Dion: un talento

Quest’anno tra le mie allieve ho tantissime ragazze delle medie e delle superiori! Sono molto felice perché con loro c’è uno scambio culturale musicale pazzesco. Loro mi insegnano le nuove canzoni di tendenza e io dall’alto della mia vecchiaia gli racconto e gli faccio sentire alcuni artisti a loro sconosciuti.

Questo articolo allora lo dedico a loro alle mie cantantissime!!!

Prima di Natale alla ricerca di canzoni natalizie da cantare, ho proposto loro alcuni brani interpretati da Celine Dion, nota cantante canadese dalla voce stupenda. Per tanti il nome Celine non vuol dire niente ma appena dico: “My heart will go on! La canzone del film Titanic?” (e comunque sì, Jack ci stava su quella porta galleggiante se solo Kate non si fosse spaparanzata come su una sdraio alle Maldive), dicevo, appena dico il nome del film tutte hanno il ricordo di averla già sentita.

Ma Celine era già una star mondiale prima con canzoni come “Power of Love” e “All by myself”.

I suoi show sono qualcosa di stupendo. Coinvolgono ballerini, comparse e ospiti musicisti. E lei come una dea sul palco canta anche note altissime senza apparente difficoltà. Guardatene qualcuno su YouTube, sono spettacolari!

C’è chi dice che negli anni è peggiorata o meno ma sta di fatto che i suoi lavori restano intramontabili.

Ma scopriamo qualcosa di più su di lei! Modella canadese, classe 1968, canta in francese, inglese, spagnolo e italiano. Eh sì, in italiano ha duettato sia con Luciano Pavarotti in “I Hate You Then I Love You” che con Andrea Bocelli in “The Prayer”.

Un’altra sua collaborazione in duetto assolutamente indimenticabile è quella con Peabo Bryson per la canzone del film Disney “La bella e la bestia”.

Per me, lei è stata una cantante che ha segnato molto il mio percorso canoro, che mi ha fatto veramente venire voglia di cantare, nonostante il mio timbro completamente diverso ogni tanto per sfogarmi le sue canzoni le canto a “squarciagola”, sempre volendosi bene, le canto anch’io!!!!

Celine da ragazzina saliva sul tavolo e cantava le canzoni di Barbara Streisand. Era il suo più grande idolo. Finché un giorno le capita proprio di duettare con Barbara con la canzone “Tell him”.

Alla fine me la becco pure nel libro di francese delle superiori. C’era un trafiletto molto interessante che raccontava la sua vita quotidiana da cantante con l’attenzione per l’alimentazione ma soprattutto la cura per la voce. Diceva appunto che per far riposare la voce a volte trascorre le giornate in silenzio. Un consiglio da dare anche a certe persone chiacchierone! Che ne dite?

Si sposa con René Angélil e purtroppo come altre donne vive la difficoltà di avere figli finché, grazie alla fecondazione in vitro nasce il suo primogenito a cui è dedicata la canzone “A New Day as Come”.

Dalla sua discografia sceglierei tre album in particolare. Trovo che siano veramente i più belli tra tutti:

E allora cosa aspettate andate a sentirvela! Buon ascolto!

Credo anche che queste cose potrebbero interessarti! Se ti va dagli un’occhiata:

Leggi anche: “Perché ci vuole coraggio…”

Se ti è piaciuto l’articolo, regalagli un bel like e condividilo con i tuoi amici!

Vieni a trovarmi anche sulla mia pagina di Facebook e seguimi su Instagram dove troverai un sacco di contenuti interessanti!

 

Motivational

Motivational Singing: Assenza di censura

In uno dei passati articoli abbiamo visto uno dei punti per sviluppare la propria creatività. Si trattava della fede nella creatività che ho modificato in fede nella propria voce (eh quante volte la perdiamo!)

Se ti sei perso l’articolo puoi leggerlo qui!

Proprio ieri parlavo con una ragazza (cantante, musicista ed illustratrice) che mi ha detto che molte volte è stata in lotta con la propria voce. Capire dove si vuole arrivare e cosa si pretende dalla propria voce è sempre difficile, l’importante è ricordarsi che la propria voce unica e bisogna apprezzarla per quello che è , con le sue caratteristiche e le sue sfumature. Forse pretendiamo troppo? O forse la vorremmo diversa in base ai cliché della nostra cultura musicale?

Se registri la voce di un bambino di quattro o cinque anni, il bambino sentendosi si riconosce e la sua voce gli piace, così come quando vuole sbraitare dentro al microfono, facendo il sorrisino di uno che si vergogna. Ma si riconosce. A nove/dieci anni se il bambino sente la sua voce registrata la sente strana. Dai dodici in su la sua voce gli fa proprio “schifo”. Molto probabilmente perché ha maturato certi gusti e certe preferenze musicali e avere la voce come l’idolo del momento sarebbe il top mentre tutto il resto non è sufficientemente accettabile.

Questo succede anche agli adulti finché si stufano e decidono di sperimentare e allora si divertono come pazzi a provare a fare dei suoni che non hanno mai fatto prima. Acuti, vocine da cartone animato e di tutto un po’. Alcuni ci riescono e altri no a causa della loro auto-censura.

La censura è in pratica la nostra capacità di (scusate il francesismo) romperci le palle mentre stiamo facendo un’attività. E’ il cattivo metodo di autosabotarsi mentre stiamo cantando. E’ quella vocina che ad un certo punto arriva nella testa e ti sta già dicendo che stai sbagliando il finale della canzone. Già però se a metà della canzone stai già pensando al finale che sbaglierai, stai dando poca importanza a quello che fai e quindi stai già sbagliando.

Daniel Goleman nel suo libro “Lo Spirito Creativo” afferma che “La voce della censura assume forme diverse. Quella interiore è in genere la più scoraggiante, ma c’è anche quella espressa dagli altri, che comprende giudizi culturali fra cui le regole dell’etichetta tese a scoraggiare comportamenti sociali “non convenzionali“. E direi che con questa frase ha vinto tutto.

La voce che sta nella testa può essere anche più cattiva. Ti può dire che non sei all’altezza, che non sei adeguato, che non ce la puoi fare, di lasciare perdere e così via. Le strade che puoi percorrere sono due o lasci perdere quello che fai, con tanta sofferenza perché magari era un’attività che amavi (e più adori fare una cosa più il senso di inadeguatezza si fa sentire) oppure prendi la situazione in mano e la tratti in modo costruttivo, ignorando la vocina cattiva.

Non è una cosa assolutamente facile. Nessuno ha mai detto che sia facile combattere contro le famose “seghe mentali”. Nel momento in cui ti senti insicuro lei torna sempre alla carica quindi devi essere in grado di saperti difendere. Prova a concentrarti su qualcos’altro.

Provo a darti qualche piccolo suggerimento. Mentre canti pensa di essere in un luogo che ti fa stare bene. Pensa al tuo posto felice, pensa a qualcosa di bello, pensa a qualche evento che è accaduto e che ti fa stare bene. Cerca di concentrarti su quello che ti fa stare bene. Se cantare ti fa stare bene non c’è motivo che la vocina si faccia avanti.

Raccogli ogni vocina cattiva e immagina di buttarla fuori dalla porta. Tu non la vuoi mentre canti. Vero?

Con alcuni miei allievi che avevano questo problema è un gioco che facevo sovente (non importa l’età). Se vedevo che ogni loro sillaba era giudicata e stragiudicata gli dicevo di prendere il loro cervello e di buttarlo fuori dalla porta, con tanto di gesto e di calcio nel sedere al cervello. Un piccolo gesto che però alleggeriva la situazione.

Non è facile tenere la vocina cattiva lontano, ma se si è liberi da ogni censura, se impariamo a non vergognarci a cantare qualsiasi sillaba o dittongo che sia, tutto sarà più facile.

Chiediti: “Cosa penso mentre canto?”, “Mi sto godendo il momento?”, “Sto facendo bene quello che ho imparato?”.

Quando fai gli esercizi non giudicare la tua voce, ma giudica l’esercizio nel complesso. Immagina di avere una telecamera puntata su di te, ma non per fare show; una telecamera per imparare, una telecamera che è in grado di ascoltare le sensazioni e valutare i movimenti del diaframma, del viso. Una telecamera che ti aiuti in modo costruttivo.

Se hai bisogno di una mano a sconfiggere la tua vocina interiore nel canto, per te che stai leggendo questo post ho una sorpresa. Qualche lezione on line con me e ti darò degli strumenti per sconfiggere questa vocina, clicca qui!

Se senti la vocina criticona che arriva, cacciala, ignorala, noi non la vogliamo. Tu non la vuoi! Non censurare la tua creatività!

Leggi anche: “Perché ci vuole coraggio…”

Se ti è piaciuto l’articolo, regalagli un bel like e condividilo con i tuoi amici!

Vieni a trovarmi anche sulla mia pagina di Facebook e seguimi su Instagram dove troverai un sacco di contenuti interessanti!

Tecnica Vocale

Tipologie di attacco vocale

A volte sentiamo voci meravigliose e ci chiediamo: “Ma un giorno riuscirò a cantare anch’io così?”. E sì che ci riuscirai! Prima di tutto la positività! Ci sono tanti punti che nel cantato non vanno sotto valutati e cantare bene non vuol dire sottovalutare ad esempio l’attacco vocale. Per cantare bene bisogna anche iniziare bene, e quindi attaccare bene. Se attacchi male tante volte è difficile successivamente mantenere la nota lunga.

Generalmente quando devo spiegare gli attacchi vocali parto dal presupposto che due di questi vengano fatti inconsciamente (a breve li vedremo) e che in realtà dobbiamo raggiungere quello che è l’attacco perfetto ovvero il Simultaneo.

Ma cosa vuol dire?

Attacco simultaneo è il momento in cui aria e suono si abbracciano ed escono contemporaneamente dalla bocca. L’armonia tra espirazione e suono è perfetta e l’aria si aggancia perfettamente al suono. Per capirlo però dobbiamo fare un passo indietro. Andiamo a vedere gli altri tipi di attacco.

Se ti dicessi che il 99% delle persone con cui ho lavorato, per cantare una “a” parte con l’attacco glottale, ci crederesti? L’attacco glottale è molto interessante perché in questo tipo di attacco le corde vocali bloccano l’aria per poi aprirsi improvvisamente per lasciala passare. E’ un colpetto di glottide presente anche in alcune parole della lingua inglese, per esempio quando pronunci “I am”. In fonetica si chiama “glottal stop” ed è indicato con questo simbolo /?/.

Vediamo che cos’è la glottide. Da wikipedia ecco qui: “La glottide è posta all’altezza della laringe che è l’organo preposto alla fonazione. È costituita per la maggior parte da uno scheletro di cartilagine diviso in tre sezioni: la cricoide, le aritenoide e la tiroide (quest’ultima presente solo nei mammiferi). Queste sezioni vengono articolate da legamenti e muscoli che hanno il compito di restringere e dilatare, tendere e rilasciare le corde vocali.”

Capito? Questo tipo di attacco vocale è molto usato in generi come il rock e l’R&B proprio per la sua durezza che rende incisiva e sottolinea alcuni versi dei testi della canzone, tanto che, proprio per la sua durezza, tende ad esserne sconsigliato l’uso eccessivo senza consapevolezza.

Attenzione questo non vuol dire che l’attacco glottale è totalmente sbagliato, ma vuol dire “Ti sei accorto che hai fatto un attacco glottale?” oppure “Hai cantato un attacco glottale volutamente?”. Quando facciamo un attacco glottale ce ne accorgiamo perché, detto in parole semplici, sentiamo il suono sparato fuori. In sostanza è come se uscisse prima il suono e poi con calma arriva l’aria. Provaci! Puoi provare anche utilizzando delle sillabe come “ga”, “gu” e sentirai proprio il movimento nella zona della laringe. Oppure se vuoi riprova con “I am” ma mi raccomando non all’italiana come siamo soliti fare mettendo l’ “h” davanti, perché se no diventa…. un attacco arioso.

L’attacco arioso, bello e dannoso come lo chiamo io per scherzare, è l’attacco in cui invece sento uscire prima l’aria e poi il suono. L’attacco arioso è il tipico attacco che viene usato dal 99% delle persone non appena gli si dice che stanno usando l’attacco glottale, provano a tirare fuori prima l’aria per poi tararsi sul simultaneo.

Sono passaggi a volte un po’ obbligati per sperimentare! In merito all’attacco arioso ti suggerisco di tenere a mente come esempio il cantato alla Marilyn Monroe. La sua voce soave e molto sensuale piena d’aria che però, ahimè, non è molto salutare. Attenzione se devi cantare una canzone romantica e metti degli attacchi ariosi per la tua interpretazione non ti succede niente, ma diciamo che parlare in modo arioso per tutto il tempo asciuga parecchio le corde vocali e la mancata lubrificazione potrebbe creare edemi alle corde stesse. In caso di voce ariosa da molto tempo e nel caso tu abbia la sensazione di groppo in gola come se le parole fossero bloccate, ti consiglio di rivolgerti ad un foniatra. Esistono degli esercizi per evitare che la voce sia ariosa (ad esempio esercizi basati sulla consonante “G”) ma tuttavia è sempre meglio valutare caso per caso.

Il mio suggerimento se sei all’inizio è di sperimentare e di pensare alla stampante delle etichette. Sì sì, non sto scherzando. Chi conosce la mia storia sa che ho un passato da responsabile IT e alcune cose mi sono rimaste e trovo che sono esempi che possano calzarsi perfettamente su quello che dobbiamo andare a fare con la voce. Se non l’hai mai vista più o meno segue il disegno qui sotto! La stampante delle etichette ha due ribbon (due rotoli di nastro) uno nero di inchiostro e l’altro delle etichette, questi due nastri si incontrano sulla fascia termica e ne esce l’etichetta completa. Questo è l’esempio perfetto di attacco simultaneo. Un ribbon potrebbe esser l’aria e l’altro ribbon potrebbe essere il suono e infine la fascia termica dove si incontrano la tua bocca.

E’ un esempio un po’ strano ma a volte l’immaginazione rende facili dei concetti che a parole potrebbero essere difficili tecnicamente da spiegare con paroloni e sinceramente più difficili da eseguire.

Ecco il riepilogo:

  • Attacco simultaneo: suono e aria insieme.
  • Attacco arioso: alla Marilyn Monroe, prima arriva l’aria e poi il suono.
  • Attacco glottale: con il colpo di glottide, prima arriva il suono e poi l’aria.

Se ti trovi in difficoltà con la voce e vuoi qualche dritta sul canto, puoi fare qualche lezione con me online! Per te che stai leggendo l’articolo, una proposta speciale! Qui!

Un’altra cosa importante. Questa bellissima distinzione tra le tipologie di attacco si sente tantissimo sulle vocali. Ricorda che italiano abbiamo sette vocali (coooosa? Sette ma non erano cinque?). E sì, sono sette perché si contano anche le “é” e “è” e anche le “ò” e “ó” con accenti acuti e gravi che hanno pronunce differenti. Comunque ci è andata bene perché in inglese le pronunce delle vocali sono ben quindici. Le vedremo prossimamente in uno dei prossimi articoli.
Ora ti lascio sperimentare, oggi abbiamo imparato tante cose, dagli attacchi vocali a come funziona una stampante delle etichette, perché nella vita…non si sa mai!

Prova ad allenarti con i vari tipi di attacco e vieni a trovarmi su Instagram e su Facebook per farmi sapere com’è andata. Se hai dubbi scrivimi, da una tua domanda può nascere un nuovo articolo o un video.

Se vuoi leggi anche: “Respirazione diaframmatica: Proviamoci!”

Credo anche che queste cose potrebbero interessarti! Se ti va dagli un’occhiata:

Se ti è piaciuto l’articolo, regalagli un bel like e condividilo con i tuoi amici!

Vieni a trovarmi anche sulla mia pagina di Facebook e seguimi su Instagram dove troverai un sacco di contenuti interessanti!

 

Cultura Musicale, Freelance Mom, Motivational, Tecnica Vocale

Calendario del cantante 2019

Calendario_del_cantante_Gennaio_2019banner

Da brava Befana non potevo non consegnarvi un bellissimo regalino proprio oggi! Se siete stati bravi allora potete scaricarvi il calendario del cantante! Un piccolo amico con qualche consiglio e un gruppo di “Stonati” per confrontarsi!

Sono iscritta ad un sacco di newsletter che trattano di vari argomenti dalla crescita personale alla costruzione di siti internet. Mi piace sempre essere informata su tutto, o quasi. Durante questo periodo natalizio, ho ricevuto parecchie e-mail con il calendario dell’avvento e un calendario in puro stile countdown in attesa di partire con un strepitoso 2019, quindi, mi sono detta ma perché non fare un calendario per il cantante? Qui siamo in tanti e secondo me è un modo utile anche per darsi delle regole per fare gli esercizi perché sovente la domanda è questa: “Ma quante volte alla settimana li devo fare questi vocalizzi?”.

Dipende. Dipende da tante cose. Dipende dal fatto che sei una persona ricettiva e sperimentatrice oppure se magari sei più razionale e allora fai fatica a sperimentare con la tua voce. Dipende se le informazioni che l’insegnante o che ti ho passato sono state trasmesse nella stessa lingua che parli anche tu. Se c’è intesa. Dipende se hai avuto paura a chiedere. Ricordati che non esistono domande stupide, l’unica domanda stupida è quella che non ti poni. Dipende veramente da un sacco di cose!

Proviamo quindi a darci qualche regola con questo calendario del cantante per il mese di gennaio. Ispirandomi un po’ ai calendari di sfide che ho visto nel mese di dicembre e al bullet journal è venuto fuori questa meraviglia di cui vado fiera perché stata realizzata direttamente dalle mie manine con tutta la passione del mondo.

Come funziona:

  • Il calendario è in PDF quindi lo potete stampare tutte le volte che vorrete.
  • Ogni settimana vi aspettano consigli per tenere in forma la vostra voce. (Mi immagino in un futuro il calendario del cantante in stile Frate Indovino, con le ricette che fanno bene alla voce)
  • Se vuoi postare il tuo lavoro così da discuterne tutti insieme, o fare domande sul gruppo di Facebook Stonati per Caso, una sorta di classe aperta a tutti, con l’hashtag #singingcalendar (mi raccomando metti l’hashtag se no non ti vedo)!
  • Se hai domande sul lavoro svolto e hai bisogno di chiarimenti scrivimi: info@maracecconato.com
  • Se questo mese ti è piaciuto da matti allora puoi iscriverti alla newsletter così non ti perderai i prossimi mesi! Ovviamente tutto questo è gratuito! Iscriviti qui!

Ma vediamolo nel dettaglio:

Ci sono alcuni piccoli consigli per ogni giorno. Il calendario è per i principianti ma anche per chi è già attivo come cantante. La legenda indica:

  • La stella: che si riferisce ad eventi, webinar o workshop in arrivo.
  • Il punto esclamativo: che ci ricorda di qualcosa da fare o di qualcosa d’importante.
  • Il cuore: che si riferisce all’allenamento. Ci ricorda che dobbiamo prendere del tempo per noi e lavorare per la nostra voce. Per il momento ho caricato due momenti di allenamento vocale, perché so che è difficilissimo trovare il tempo tra il lavoro, la casa, gli impegni e i figli eventuali.
  • La tazza: che ci ricorda di prenderci cura della nostra voce attraverso le abitudini quotidiane (nei prossimi mesi inserirò anche alcune ricette a prova di voce).
  • La nota musicale: si riferisce alla cultura musicale, alle performance e alle prove tecniche vocali (in questa sezione prossimamente inserirò anche qualche sfida canora da fare in perfetta armonia e tranquillità, non siamo un talent show, siamo insieme per divertirci con la voce).

Spero che questo calendario sia utile a tutti e che sia un buon amico da guardare quando magari uno si sente giù e crede di non poter diventare un bravo cantante. Ti aspetto sul gruppo di Facebook Stonati per Caso.

Scarica il calendario dal link qui sotto e buon divertimento!

 

Credo che questo percorso ti possa interessare! Se ti va dagli un’occhiata:

Leggi anche: “Perché ci vuole coraggio…”

Se ti è piaciuto l’articolo, regalagli un bel like e condividilo con i tuoi amici!

Vieni a trovarmi anche sulla mia pagina di Facebook e seguimi su Instagram dove troverai un sacco di contenuti interessanti!

 

Freelance Mom

Freelance Mom: Sotto l'albero di Natale

Arriva il periodo più bello dell’anno e i nostri cuccioli sono in attesa di Babbo Natale! Beh il mio e ancora piccolo ma so già che si divertirà a scartare i regali.

Per noi mamme lavoratrici può anche essere un periodo stressante perché tra casa, lavoro e bimbi devi anche trovare il tempo per andare a fare i regali e soprattutto avere le idee chiare su ciò che vuoi regalare. Non parliamone se hai scelto di fare la cena o il pranzo a casa! E allora tante volte siamo costrette a scegliere la via rapida:  internet.

Anche noi ci siamo messi davanti al computer e abbiamo pensato a cosa potesse piacere al nostro bimbo. Siccome ha proprio una predilezione per bacchette e batteria, tanto che quando lo porto in studio mi scappa nella sala prove e lo trovo sempre dietro le pelli, quest’anno abbiamo deciso di prendergli una scatolata di percussioni.

Le percussioni sono uno dei primi strumenti musicali che il bambino prova a suonare. Di solito quando devono scegliere i bambini ti dicono che vogliono provare subito la batteria o “la chitarra rock”. Nella scuola primaria, per esempio vengono effettuati dei laboratori in cui il bambino interagisce con le percussioni su una musichetta piuttosto che con la body percussion. Mi ricordo un meraviglioso laboratorio che feci con i bambini delle classi prima e seconda primaria e avevamo lavorato sia sulla body percussion, usando mani, piedi e petto, sia con le percussioni in particolare legnetti e triangolo. Se vi farebbe piacere un articolo in merito fatemi sapere! Ci sono tante cose belle che si possono fare con la musica e i bambini!

Apriamo la scatola! 

Se vuoi puoi anche vedere il video cliccando sull’immagine qui sotto 🙂 Se invece preferisci leggere, continua con l’articolo…

Guarda il video su YouTube

Dopo aver svuotato la scatola ecco la lista degli strumenti musicali acquistati dal negozio tedesco on line, Thomann.
Giacomo (13 mesi) ha proprio una predilezione per le percussioni e quale regalo poteva essere se non questo. So già che alcune di queste percussioni saranno utilizzate come armi (e ne parlo proprio ora dopo aver ricevuto ieri sera un bel giocattolo di plastica sulla testa…che dolore!).
Vediamo cosa c’è!
Il bastone della pioggia. Il bellissimo bastone della pioggia con il suo suono rilassante. E’ lungo 50 cm e con 4-6 cm di diametro perché ha il legno doppio sul fondo. Costo: 12,90 €
• I legnetti. Verranno utilizzati anche nella scuola dell’infanzia e nelle elementari. E’ uno strumento duraturo. Un bell’investimento e soprattutto si possono fare un sacco di giochi ritmici. Sono marchiati dalla casa tedesca e in confezione da due. Costo: 2,00 €
• Mini Shaker. Bello carino, per manine piccole credo che se lo rosicchierà un po’ sul bordo ma è veramente carino. Sempre marchiato dalla casa tedesca. Costo: 3,04 €
• Ovetti. Belli colorati, piacciono sempre un sacco ai bambini e ci faccio anche il gioco della frittata quando cadono per terra. Oppure se abbiamo un tamburo li mettiamo dentro e li facciamo “soffriggere” rigirandoli con i legnetti. Con la fantasia si può fare di tutto. Costo: 1,59 €
• Wood Hand Castanet. La manina dal nome impronunciabile. Bello, super sigillato. Costo: 14,40 €
• Le maracas. Probabilmente verranno utilizzate come clave ma, promesso, farò molta attenzione. Sono marchiate dalla casa tedesca. Le abbiamo prese medie (dello stesso tipo). Costo: 6,40 € cad.
• Glockenspiel. Un nome assolutamente difficilissimo, ma lo strumento è carino. E’ una sorta di xilofono, dotato anche di un libricino e di bacchettine. Sembra intonato ma lo sapremo bene quando l’averemo tolto dalla scatola. Costo: 24,90 € (mi sono accorta ora di non aver indicato il prezzo nel video! Perdonatemi sono una mamma svampita, ero presa dalla bellezza di questo strumento).
Spero che l’articolo e il video siano stati utili per trovare degli spunti per i vostri regali futuri.
Avvicinate i bambini alla musica non ve ne pentirete mai!

Se ti è piaciuto l’articolo, regalagli un bel like e condividilo con i tuoi amici!

Vieni a trovarmi anche sulla mia pagina di Facebook e seguimi su Instagram dove troverai un sacco di contenuti interessanti!



Tecnica Vocale

Respirazione diaframmatica: proviamoci!

Quando parliamo non pensiamo quasi mai a come respiriamo. Quando dormiamo, avvolti dalle braccia di Orfeo, non pensiamo a come respiriamo. Eppure il nostro corpo è una macchina perfetta. Sa quando deve mangiare, quando deve dormire, sa quando deve respirare.

Con la frenesia della vita quotidiana chi ci pensa più a respirare?

Eppure è fondamentale! Soprattutto per i cantanti. Magari hai già sentito parlare di un certo muscolo chiamato diaframma?

Ma chi lo usa il diaframma? Che cos’è? E come si fa ad utilizzare la respirazione diaframmatica?

La bella notizia è che quando siamo nati respiravamo correttamente con il nostro diaframma (guardate un neonato appena ne avrete occasione, vedrete la pancia che si alza ed abbassa in modo armonioso), la cattiva notizia è che ci siamo dimenticati!

Durante il periodo delle elementari avevamo troppe cose da dire e ci dimenticavamo addirittura di respirare, tanto da arrivare a fine frase senza fiato. Troppe cose da dire, troppe emozioni che ci hanno portato a respirare come i tacchini. Sì, sì come i tacchini! Lo chiamo il respiro del dottore. Quando il dottore ci chiede di fare un bel respiro e ci gonfiamo come dei tacchini, alzando le spalle e il petto.

Ecco la respirazione a tacchino nel canto non funziona, bisognerebbe far intervenire il diaframma, utilizzando quella che, come detto poco fa, si chiama respirazione diaframmatica!

Ma dov’è sto diaframma? Io non ce l’ho!

Fortunatamente c’è. Ce l’abbiamo tutti. Basta prendere qualsiasi manuale di anatomia per vedere la posizione corretta del diaframma e accendere anche ai ricordi di scuola perché è quasi certo che alle medie, avrai fatto senz’altro scienze e avrai studiato l’apparato respiratorio, quindi sai che abbiamo due polmoni. Se invece i ricordi delle medie sono offuscati perché non ti piaceva studiare, beh allora è un occasione per recuperare! 

Bene, al di sotto di questi polmoni c’è il diaframma, un muscolo che separa la cavità addominale da quella toracica. Mi piace pensarlo come una spugna che si abbassa quando prendo l’aria (quindi prendo l’aria, i polmoni si riempiono e si abbassa il diaframma) e si risolleva quando butto fuori l’aria.

Detto in modo più elegante: in fase di inspirazione il diaframma si abbassa, in fase espirazione si alza. Accompagna in sostanza il movimento dei polmoni.

Per sentire che il nostro diaframma al lavoro, ti consiglio di mettere le mani in questo modo: 

Ecco un’illustrazione realizzata dalle mie manine per farti capire meglio come sentire il diaframma…

Nella figura di sinistra, viene appoggiata una mano sul fianco e l’altra sul ventre, in fase di inspirazione sentirò la pancia che si sporge in avanti e un movimento laterale sulla mano appoggiata al fianco. In fase di espirazione sentirò la pancia che rientra. Questo è un ottimo modo per controllare se effettivamente stiamo utilizzando il diaframma.

Nella figura di destra, vengono appoggiate entrambe le mani sui fianchi e in fase di inspirazione sentirò un movimento laterale su entrambi i lati. In fase di espirazione sentirò che il movimento mi riporta in posizione rilassata. Questa è un ottima posizione per evitare di alzare le spalle. Te ne accorgi subito se stai respirando gonfiando la parte alta del petto come un tacchino!

Quale sia la migliore posizione per te devi stabilirlo tu! 🙂 Ho allievi che utilizzano una piuttosto che l’altra durante gli esercizi perché si sentono più sicuri e hanno una migliore percezione! Il mio consiglio è quello in ogni caso di provarle entrambe e sentire quella che per te funziona meglio, ricordandoti di buttare sempre fuori l’aria con la bocca (espirazione)… dopotutto quando canti butti fuori parole dalla bocca o no? 🙂

Man mano inizierete a farci caso che il vostro diaframma lavora per voi…

Povero diaframma. In realtà lui fa già del suo meglio. Quando dormite? Lui lavora.

Quando siete rilassati sul divano a guardare un film? Fateci caso, lui lavora. Sentirete la pancia che va su e giù.

Quando cantiamo? Dovrebbe andare ma all’inizio potrebbe scontrarsi con i mille pensieri e castelli che ci fa il nostro cervello. Nel nostro stato di veglia, interveniamo troppo, con pensieri ed intenzioni, tanto da “bloccare” il flusso naturale della respirazione. Pensateci bene, durante gli esercizi avete fatto molta attenzione al diaframma e in testa vi stavate dicendo “Adesso faccio così, adesso faccio cosà!” Vero? 🙂  E’ assolutamente normale, gli esercizi servono a farlo ripartire… il passo successivo è non intervenire e lasciarsi andare affinché la respirazione faccia il suo corso.

Riprendere ad usare il diaframma, lo dico sempre, è un po’ come andare in bicicletta, impari, non ci vai per trent’anni e quando risali vai un po’ storto ma poi riprendi il funzionamento come un tempo.

Se ti trovi in difficoltà con il tuo diaframma o vuoi qualche dritta sulla tua voce e sul canto, puoi fare qualche lezione con me online! Per te che stai leggendo l’articolo, una proposta speciale! Qui!

Ultima cosa importante. Nel canto, la fase di inspirazione è veloce, dovete essere pronti a cantare, prendere aria in questo caso è diverso da quando si pratica yoga o pilates, in cui abbiamo il tempo di inspirare lentamente. Qui dobbiamo prendere un bel respiro per cantare le parole della nostra canzone, quindi si deduce che il rilascio del flusso d’aria lo controlliamo per una parte noi. Evvai!

Vi accorgerete man mano di quanto si può inspirare velocemente (senza alzare le spalle e utilizzando la respirazione diaframmatica) per poi rilasciare l’aria poco per volta. Vuoi provare? Inspira utilizzando la respirazione diaframmatica e poi soffia come se avessi un filo d’aria che esce dalla tua bocca e conta i secondi che ci impieghi a finire l’aria. Se sei arrivato a 3 secondi è un po’ pochino, forse hai soffiato con troppa decisione oppure hai usato la respirazione in modo non corretto. Se invece sei sui 5-6 si può migliorare. Se sei verso i 10 secondi vai che è ottimo, per essere le prime volte hai già fatto un gran lavoro.

Questo è il primo articolo che riguarda la respirazione, ne arriveranno senz’altro molti altri perché alla base di una buona voce c’è una buona respirazione, quindi state sintonizzati! 🙂

Credo che ti possano interessare anche:

Leggi anche: “Tipologie di attacco vocale”

Se ti è piaciuto l’articolo, regalagli un bel like e condividilo con i tuoi amici!

Vieni a trovarmi anche sulla mia pagina di Facebook e seguimi su Instagram dove troverai un sacco di contenuti interessanti!

 

Cultura Musicale

10 canzoni di Natale bellissime!

Siamo nel pieno del periodo natalizio. Ovunque luci, alberi, cappellini rossi e tra i mercatini di artigianato anche il sottofondo musicale che non può mancare, se no che festa è?

Giacomo, il mio bimbo, ha la passione per una canzone di Natale, di cui credo che almeno un milione di visualizzazioni del video, siano nostre! 🙂 Vi svelerò a breve di quale canzone si tratta!

“Se nel mondo vuoi portare la magia del Natale, più forte che puoi devi cantare” – Elf (il film)

Le canzoni di Natale creano un’atmosfera magica e fanno venire il buon umore. Se tutti fossimo di buon umore sai che pacchia e che bel vivere! Anche alle persone un po’ acide… una bella cura di canzoni di Natale.

Ecco qui, quindi, una lista di 10 canzoni che non devono mancare nella playlist di Natale:

  • Jingle Bells Rock:  Eccola qui la canzone incriminata! Il milione di visualizzazioni su Youtube è nostro. Bravo Giacomino! Scritta da Joseph Carleton Beal e James Ross Boothe, interpretata da molti ma ben conosciuta per la versione del 1957 di Bobby Helms (tra l’altro vi consiglio di ascoltare anche i suoi album sono molto carini).
  • Last Christmas: Una bella canzone d’amore natalizia, che è un classicone. Era il dicembre 1984, capelli cotonati sia per lei che per lui e i Wham con la voce di George Michael ci regalavano questa meraviglia.
  • Let It Snow:  con le parole di Sammy Cahn e la musica di Jule Styne, nel luglio (veramente luglio?) del 1945 nasce questa canzone, che ci ricordiamo soprattutto con la stupenda voce di Dean Martin.
  • Rockin’ around the Christmas Tree:  questa canzone per noi degli anni 80 è nota per un famoso film… di Natale, ovvero “Mamma ho perso l’aereo” (titolo originale “Home Alone”). La canzone è stata scritta da Johnny Marks e interpretata da Brenda Lee nel 1958.
  • Run Run Rudolph: inizia come Johnny B. Goode anche se non lo è! Ma l’artista è sempre lui, il mitico Chuck Berry. Scritta da nuovamente da Johnny Marks con Marvin Brodie e uscita per la prima volta nel 1958. La canzone è un dialogo tra i bambini e Babbo Natale in merito ai giocattoli!
  • It’s the most wonderful time of the year: interpretata dalla bellissima voce di Andy Williams, i compositori Edward Pola e George Wyle ci regalavano questo capolavoro nel 1963. La canzone fu inserita nell’album di esordio di Andy Williams ma non fu promossa come singolo. Tuttavia fu utilizzata talmente tanto per il cinema e per la pubblicità che la canzone ha raggiunto ormai una notorietà impossibile da cancellare.
  • White Christmas: è stata scritta  di Irving Berlin (compositore di brani come “Cheek to Cheek”) ed interpretata da Bing Cosby. La canzone è famosissima ed è stata tradotta in molte lingue. Anche noi in Italia abbiamo la nostra versione  dal titolo… “Bianco Natale”.
  • Rudolph the Red Nosed Reindeer: scritta da Johnny Marks (no, dai, non ci credo è proprio un creatore di capolavori natalizi). Ispirata dalla favola di Robert Lewis May, che racconta la storia della nona renna di Babbo Natale che salva il Natale grazie al suo naso rosso che si illumina, la canzone è uscita nel 1949 ed interpretata dall’attore e cantante Gene Autry.
  • All I want for Christmas is you: quante e quante di vi hanno cantato, urlato e sbraitato questa canzone? Interpretata da Mariah Carey e scritta a quattro mani con Walter Afanasieff, la canzone è uscita a Novembre 1994. E’ stata successivamente anche da altri astisti di cui sicuramente è da ricordare la versione di Michael Bublé.
  • The magic of Christmas Day: questa canzone fa parte del “lato b” dell’album “These Are Special Time” di Céline Dion uscito nel 1998. La canzone un po’ meno conosciuta rispetto alle altre ma è  sicuramente una perla sia per la musica che per l’interpretazione.  Da cantare a squarciagola!

Bene, spero che abbiate trovato qualcosa di carino nelle canzoni che vi  ho proposto ma soprattutto se avete consigli su canzoni di Natale siete i benvenuti e scrivetele nei commenti. La cultura musicale…natalizia… è molto importante!

Se ti è piaciuto l’articolo, regalagli un bel like e condividilo con i tuoi amici!

Vieni a trovarmi anche sulla mia pagina di Facebook e seguimi su Instagram dove troverai un sacco di contenuti interessanti!



Motivational

Motivational Singing: Fede nella propria voce

title: Motivational Singing

Un giorno parlavo con una mamma che mi diceva che lei avrebbe sempre voluto cantare ma aveva accantonato questo suo sogno per lungo tempo. I motivi per cui accantoniamo una nostra passione sono i più svariati tra cui il tempo, la paura, l’insicurezza. Proprio queste ultime due, paura ed insicurezza, sono quegli elementi che ci bloccano, anche solo quando proviamo un esercizio di canto. Tutte le accezioni negative del tipo: “Non ci riesco!”, “Non ce la farò mai”, sono tutti pensieri che portano a fallire quello che stiamo facendo.

Leggendo “Lo Spirito Creativo” di Daniel Goleman, ho trovato degli spunti molto interessanti applicabili anche al canto e al nostro essere mentre ci dedichiamo a questa attività. Goleman ci da quattro strumenti per sviluppare la nostra creatività e il canto ha veramente bisogno di creatività e di sperimentazione per poter provare suoni che non hai emesso prima ci vuole davvero fantasia.

In pratica, Goleman, individua quattro strumenti, molto potenti, che ci permettono quindi di sviluppare la creatività. Vediamoli:

  • La fede nella creatività;
  • L’assenza di censura
  • L’osservazione precisa
  • Le domande penetranti.

Oggi vediamo la fede nella creatività ma la trasformiamo in fede nella nostra voce. Tante ma tantissime persone partono con le lezioni di canto moderno sul piede di guerra contro la loro voce. Poverina, che avrà mai fatto? La fede deve essere ragionevole, nel senso è giusto dire: “Ok, sono venuto a lezione perché devo imparare ad educare la voce” ma vi assicuro che anche il lato opposto, ovvero colui che invece è troppo convinto di avere una voce perfetta, che ha una vera propria adorazione per la propria voce, è il male assoluto.

Quello con la voce “perfetta”  non ci interessa oggi, vediamo invece perché invece un po’ di fede nella nostra voce dovremmo averla. Prima di tutti è un potentissimo mezzo di comunicazione, la usiamo per parlare, cantare, ridere, piangere, gridare. La usiamo per tutto. Ci permette di trasmettere i nostri stati d’animo senza doverci pensare. E’ una cosa così naturale che nemmeno ci facciamo più caso, anche se a ben vedere quando un bambino inizia dire le prime parole siamo attentissimi! …Poi ci dimentichiamo! L’altro punto fondamentale è che la nostra voce è unica! Non ne esiste un’altra uguale, può essere simile, vedi gli imitatori che riescono a rendere simile la loro voce ad altre, simile… non uguale. La tua voce è unica, il tuo timbro è unico perché la scatola che la contiene (il tuo corpo) è unico.  E allora perché ogni tanto la prendiamo in odio?

Se già ti stai facendo mille castelli e mille “paturnie” in testa è perché davvero ci tieni. Noi che amiamo cantare, amiamo esprimerci attraverso il canto ma dato che la voce ce l’hanno tutti è il primo elemento che viene criticato musicalmente parlando e a volte anche senza la parola “musicalmente”. Es. cantante professionista canta e Peppino, che ha sempre cantato sotto la doccia, critica la tecnica vocale senza saperne niente.

Queste critiche fanno male, altroché se fanno male. Ci buttano giù tanto che quando apriamo la bocca la volta successiva abbiamo sempre il tarlo di Peppino (per non chiamarlo in altri modi) che è lì presente, finché non ce ne liberiamo.

Stesso tarlo ovvero pensiero costante, quando cantiamo una canzone e ci fissiamo su una nota, magari proprio quella nota alta che non riusciamo a raggiungere o magari quell’attacco difficile. E allora parti a cantare la canzone pensando continuamente al minuto X dove incontrerai l’ostacolo. Fermati!!! Se stai già pensando all’ostacolo vuol dire che stai già cantando male tutta la parte prima perché non gli stai prestando la giusta attenzione. 

E’ difficilissimo liberarsi di questi pensieri, ma si può .  Ci dobbiamo focalizzare su altri pensieri, altri punti di forza.  Oggi parliamo di “fede nella voce”.  La nostra voce è un amica su cui dobbiamo far affidamento senza doverci pensare, ci di dobbiamo fidare. Il nostro cervello, invece è un po’ più dispettoso.

Seguendo quello che ci propone Golemam in merito alla fede nella creatività, ecco qui le risorse interiori che abbiamo a disposizione e che ci dimentichiamo di avere:

  • Intuito: lasciarsi guidare dall’intuito, se quella canzone non viene perfettamente come quella del cantante originale, forse dovresti provare a metterci del tuo. Quella canzone è stata scritta per quel cantante e non per te. Prova a lasciarti guidare dal tuo intuito, magari ti arriva un lampo di genio che ti permette di creare una cover migliore della canzone originale.
  • Volontà: se non c’è volontà, puoi chiudere baracca e burattini perché senza la volontà di mettersi a fare gli esercizi e di volersi migliorare non si va da nessuna parte. Senza la volontà non si è in grado di sormontare in grado di sormontare i piccoli problemi e gli ostacoli che potremmo incontrare nello studio del canto.
  • Gioia: ricevere piacere dall’attività che stai facendo e godersi la ricompensa, che applicata al canto potrebbe essere intesa, godersi ogni respiro e la melodia che ne viene fuori, rilassandosi ed essere felici perché abbiamo un voce con cui poterci esprimere.
  • Coraggio: è la prima delle risorse che ci permette di superare la paura e le critiche che tentano di fermarci. Travolgile con il coraggio, prenditi i tuoi rischi senza vergogna. I geni creativi sono tutte persone che non si sono “autocensurate”… (adesso ci arrivo!).
  • Comprensione: è quella “che ci permette di collaborare con gli altri e apprezzare i loro sforzi”, dice Goleman,  ma non solo anche i propri sforzi, aggiungerei. Quante volte i nostri cliché culturali (di bellezza vocale) ci hanno fatto odiare la nostra voce  e nonostante l’esercizio vocale, che non era uscito malaccio, abbiamo dimenticato di “celebrare” il nostro piccolo traguardo raggiunto? Se siamo in grado di comprendere gli errori e trovare una soluzione per risolverli, la comprensione è quella che ci permette di zittire la voce dell’autocensura che scoraggia l’assunzione del rischio.  No, no, non ci sono scuse! 🙂 Basta scuse!

Prendiamo queste risorse e applichiamole alla prossima canzone che canterai. Invece di pensare al punto difficile o alle critiche di Peppino, che continuerà a cantare sotto la doccia, chiediti:

  1.  Sto sperimentando abbastanza su questa canzone? Cosa posso fare per migliorarla o modificarla? (risvegliamo l’intuito e la volontà).
  2. Sono felice mentre sto cantando? Come mi sento mentre sto cantando? (risvegliamo la gioia).
  3. Adesso prendo e mi metto a cantare ovunque io sia… supermercato, scuola, lavoro… Non ti nascondere! (risvegliamo il coraggio).
  4. Mi sto lasciando andare veramente? Sono un tutt’uno con la musica? (risvegliamo la comprensione)

Se ti è piaciuto l’articolo, regalagli un bel like e condividilo con i tuoi amici!

Vieni a trovarmi anche sulla mia pagina di Facebook e seguimi su Instagram dove troverai un sacco di contenuti interessanti!

Freelance Mom

Freelance mom: alzarsi alle 5.30 per fare tutto!

FREELANCE MOM

Bel titolo vero?

Care mamme freelance, c’è da farsi un mazzo tanto!

Vi è mai capitato di vedere quelle pubblicità nei banner dei siti internet con bellissime foto finte dove le mamme felici che lavorano al pc con i loro bambini in braccio? Bellissimi fake, vero?

Giacomo ormai cammina ed è un ribelle, in braccio ci sta ma per poco e quando sei al pc il desiderio di toccare tutto quello che è sulla scrivania è più forte! E’ affascinato dagli evidenziatori, dalla calcolatrice, per non parlare dei tasti del computer

Il mio lavoro è un po’ particolare! Quando effettivamente devo registrare una canzone in studio per un cliente, non posso portarmi dietro il bambino, per questo devo essere super organizzata e pronta all’imprevisto, che sia un mio malessere o purtroppo anche un suo.

Ho messo un “recinto” nel mio ufficio. Aspetta, mi spiego meglio. Non è proprio un box, è un recinto colorato su dei tappetini colorati. Insomma un bel posto. Mi sono detta: “Così i lavori di promozione e social li posso fare mentre lui è lì che gioca…”  Niente da fare! Se lo metto lì dentro e non sto a guardarlo, inizia a sbraitare e a traslocare tutti i giochini fuori dal recinto.

Sono passata ad un’altra soluzione, molto più drastica. La sveglia alle 5.30.  Calcolando che si sveglia più o meno intorno alle 7.30-8.00, ho tempo due ore per fare colazione da tranquilla, prendere il pc e fare tutte quelle attività che sono impossibili durante il giorno, ovvero: procacciare nuovi clienti, scrivere sui social, scrivere i post-blog, vedere i nuovi progetti, ascoltare le nuovi canzoni da imparare ecc. Non solo, se ho un attimo di tempo inizio a tagliare le verdure per il pranzo perché bisogna ottimizzare! Quest’orario è ottimo anche perché lavoro molto con clienti che sono a fusi orari differenti e così abbiamo la possibilità di sentirci.


Sai che ho studiato un programma dedicato alle mamme che desiderano cantare?

Si chiama Un’ora d’Aria! Clicca per maggiori informazioni!


Ovviamente tutto ha un prezzo ed ecco qui i miei personali pro e contro della sveglia presto:

PRO

  • Riesco a fare veramente un sacco di cose in più;
  • Nel silenzio della casa riesco a ragionare meglio;
  • Ho tempo per correggere gli errori;
  • Quando si sveglia il pupo non ho la preoccupazione del lavoro da fare (perché bene o male ho quasi fatto tutto, se mi impegno).

CONTRO

  • “Quando finirà la giornata?”;
  • Verso mezzogiorno inizi a sentirti una larva;
  • Vita sociale alla sera pari a zero e non si vede l’ora di andare a dormire.

Un’altra cosa positiva che aggiungerei al fatto di alzarsi presto è sicuramente che il metabolismo ne ha giovato. Ho perso anche un paio di chili, così dal nulla. In realtà credo che presa dal fatto di alzarmi presto e dalle attività, ho perso l’ossessione per la bilancia, che si sa dopo una gravidanza, la voglia di smaltire le “ciccette” è irresistibile.

Sono quasi arrivata ad un mese di questa nuova routine e posso dire che funziona. E’ una cosa che fa per me. Quando poi Giacomo si sveglia ho meno preoccupazioni e facciamo colazione insieme (un’altra colazione? Eh, ma io ho fame!). Il mattino generalmente lo passiamo sempre insieme e se il tempo lo consente ci facciamo una passeggiata fuori. Nel pomeriggio sta con la nonna e nel frattempo io mi dedico ai clienti, ai lavori e alle lezioni di canto con i miei studenti.

Le giornate volano ma devo dire che inizia a piacermi questa routine. Ovviamente se il bimbo ha fatto capricci notturni mi concedo una mezz’oretta in più al mattino ma in linea di massima, il mio corpo ha già deciso di ascoltare il suo orologio interno e quindi a volte mi sveglio prima del trillo della sveglia.

Avete mai provato ad alzarvi presto? E voi mamme, come vi organizzate?

Credo che come tutte le cose sia questione di abitudine. Di sicuro come sempre creare una nuova abitudine non è semplice ma bisogna avere pazienza e la routine diventerà quasi… normale.

Se ti è piaciuto l’articolo, regalagli un bel like e condividilo con i tuoi amici!

Vieni a trovarmi anche sulla mia pagina di Facebook e seguimi su Instagram dove troverai un sacco di contenuti interessanti!